Notizie Home

Si è conclusa con una conferenza, che si è tenuta sabato scorso, 12 febbraio 2005, nell'aula magna della scuola media di Villafranca Piemonte (To), la serie di iniziative di commemorazione del sessantesimo anniversario dell'uccisione dei fratelli Ennio ed Ettore Carando, braidesi e protagonisti della Resistenza. Dopo che nelle settimane scorse l'assessore ai Rapporti con le associazioni combattentistiche e d'arma della Città di Bra, Claudio Lacertosa, aveva posto delle corone commemorative sulla tomba di famiglia dei Carando al cimitero di Bra e presso la lapide posta sul Palazzo municipale di Villafranca Piemonte, dove i due fratelli vennero uccisi nel febbraio del '45, il convegno di sabato ha permesso di delineare con ancora maggiore nitidezza l'importanza della figura dei due personaggi nel movimento partigiano.

Su richiesta dei comitati di quartiere di Bra, a partire dal 15 febbraio prossimo, sarà ripristinata la raccolta del verde secondo le seguenti modalità: nei giorni e luoghi stabiliti per ventiquattr'ore sarà a disposizione un cassone per il verde in cui si potranno depositare scarti del giardino, legno di potatura, sfalci dei prati e foglie secche.

Le trame sensuali del tango argentino, al chiaro di luna, disegnati nei movimenti di una donna che danza. Il ritmo non cambia, ma la scena sì, precipitando l'azione in una milonga, il tipico locale dove il ballo è sovrano, con la stessa donna alla ricerca di lezioni di tango. Inizia così “Tango di luna (Recuerdo del porvenir)”, lo spettacolo che la regista e coreografa Susanna Beltrami ha affidato all'étoile Luciana Savignano e che sarà proposto al Teatro Politeama “Boglione” di Bra sabato 26 febbraio 2005 con inizio alle ore 21.

Parte mercoledì 23 febbraio 2005 un'interessante iniziativa del Civico Istituto Musicale “Adolfo Gandino” di Bra. Inizia infatti il corso per “voci bianche”, curato dal maestro Giuseppe Allione, che si svolgerà ogni mercoledì dalle 18:30 alle 19:30 presso i locali del “Gandino” in via Parpera. Potranno partecipare al coro i ragazzi tra i sette e gli undici anni, con la possibilità di estendere sino ai tredici anni la partecipazione delle ragazze. Per gli allievi dell'istituto il corso sarà gratuito, mentre per gli esterni avrà un costo di 50 €.

L'attesa per il ritorno di Cheese è grande: l’edizione 2003 ebbe eccezionali risultati. Allora furono 155.000 i visitatori, 4.000 gli studenti presenti alle attività didattiche, 2.640 le presenze ai Laboratori del Gusto, 19.000 nella Gran sala dove furono stappate 36.000 bottiglie di vino e proposti quintali di formaggio, 140 gli espositori provenienti da Italia, Austria, Germania, Svizzera, Olanda, Francia, Portogallo, Grecia, Irlanda, Regno Unito e 40 i Presìdi da Italia, Danimarca, Gran Bretagna, Grecia, Federazione Russa, Irlanda, Olanda, Polonia, Spagna, Svizzera e Stati Uniti.
Cheese-Le forme del latte a Bra è ormai diventato un appuntamento da segnare sull'agenda per chi vuole conoscere meglio la ricca varietà di prodotti che il settore caseario è in grado di offrire a livello mondiale.