Notizie Home

Cosa mettevano sotto i denti i nostri antenati? Quali erano le loro abitudini attorno al desco? Come e con quali bevande accompagnavano le diverse pietanze? Gli usi ed i costumi a tavola nelle varie epoche della storia saranno al centro di uno stuzzicante ciclo di conferenze, organizzato a Bra, città che nella sua frazione Pollenzo ospita la prima facoltà al mondo di Scienze gastronomiche, nel corso di tre esclusive serate. Durante gli appuntamenti, dal suggestivo titolo di “A cena con gli antichi”, a salire in cattedra saranno storici e studiosi, che scaveranno nelle pieghe dei millenni per fornire uno spaccato di vita quotidiana, tanto delle classi dominanti quanto dei plebei che hanno abitato la penisola italica. Il tutto nella suggestiva cornice del nuovo Teatro Politeama di piazza Carlo Alberto.

A che punto può arrivare una madre, in una società fortemente tradizionalista, per maritare le quattro figlie? E' quanto cercherà di scoprire una deliziosa commedia degli equivoci, dal titolo “Matrimoni e pregiudizi”, che sarà proiettato sullo schermo della Multisala cinematrografica “Vittoria” in via Cavour a Bra, nell'ambito delle iniziative organizzate dalla Consulta comunale per le pari opportunità. Lo spettacolo, ad ingresso libero, si terrà alle ore 21 di lunedì 7 marzo 2005, in anticipo di un giorno rispetto alla festa delle donne.

Si è concluso nei primi giorni di febbraio un ciclo di incontri di orientamento, promossi dal Comune di Bra, in favore degli studenti delle classi quarte e quinte del Liceo psicopedagogico San Giuseppe. Il progetto, denominato “Fà la cosa giusta!”, si pone l’obiettivo di offrire agli studenti un servizio informativo puntuale rispetto all’offerta universitaria e formativa post-diploma, approfondendo la conoscenza del mercato del lavoro, attraverso l’analisi del panorama socio economico e dei settori produttivi del territorio e l’analisi delle figure professionali richieste dal sistema produttivo locale, promuovendo l’acquisizione delle tecniche e degli strumenti della ricerca attiva del lavoro.

Dopo sei ore e mezza di discussione, il Consiglio comunale di Bra ha approvato ieri sera, lunedì 28 febbraio 2005, la manovra di bilancio per l'anno in corso. Al termine di un'articolata analisi del documento, che ha rivelato le diverse sensibilità politiche dei gruppi consiliari, il bilancio è stato approvato con i voti delle forze di maggioranza che sostengono la Giunta Scimone (Progetto Bra, Forza Italia, Insieme per Scimone, Uniti per Bra, Lega Nord e Alleanza Nazionale), con un giudizio negativo dalle minoranze (Democratici di Sinistra, la Margherita, La città di tutti, Impegno per Bra).
La seduta si era aperta ricordando le figure di don Giussani, fondatore del movimento di Comunione e Liberazione, Beppe Manfredi, più volte sindaco di Fossano, e del senatore a vita Mario Luzi, per i quali è stato osservato un minuto di raccoglimento. L'assemblea presieduta da Gian Massimo Vuerich ha poi scelto i propri rappresentanti nel Comitato di partecipazione dell'Asilo nido comunale. Si tratta di Giovanni Rosso e Maria Teresa Casavecchia.

Questioni e pratiche relative alle case popolari di Bra potranno essere discusse in Municipio, il prossimo mercoledì 23 marzo. Sarà infatti presente, nella Sala della Resistenza, al primo piano dell'atrio di piazza Caduti per la Libertà, un funzionario dell'Atc di Cuneo, l'agenzia territoriale per la casa, ente che si occupa dell'edilizia residenziale pubblica nella Granda. Chi desiderasse incontrare il funzionario può farlo nell'orario dalle 9:30 alle 13 e dalle 14:30 alle 15:30, senza necessità di prenotazione. (rg)