Il nucleo originario di Palazzo Traversa risale alla metà del XV secolo, edificato probabilmente su committenza di un ramo della facoltosa famiglia astigiana dei Malabayla trasferitosi a Bra. I diversi proprietari che subentrarono, tra i quali gli Operti e gli Albrione, vi apportarono aggiunte e modifiche plani-volumetriche e nell' apparato decorativo.  

 

La più antica raffigurazione, tra quelle sinora reperite, si trova nella veduta della città di Bra del Theatrum Sabaudiae del 1666, in cui si vede la facciata rivolta ad ovest con tre ordini di bifore, il tetto a due falde, due torri ed un muretto di cinta. In seguito, nelle mappe catastali del 1760 e del 1810, si riscontrano variazioni planimetriche. 

 

Un acquerello del 1870 presenta la veduta prospettica della facciata sormontata da merli ghibellini e del fianco meridionale con ballatoi in legno; non compaiono ancora i due portali neo-barocchi e la torretta neo-gotica all'angolo sud-ovest della recinzione, che risalirebbero agli inizi del ' 900 (interventi attuati dalla famiglia Traversa).  

 

Donato al Comune di Bra nel 1935, dopo i lavori di restauro compiuti negli anni ' 80, l'edificio è stato adibito a sede del museo civico di storia, arte e archeologia che ospita numerosi reperti del sito romano di Pollenzo. Maggiori informazioni sul sito www.turismoinbra.it  

In evidenza

  • Le ultime notizie

    Linea diretta con il Palazzo comunale.  

  • Concorsi pubblici in corso: esiti, ammessi e diario prove

    In queste settimane sono in via di svolgimento presso il Comune di Bra diversi concorsi pubblici. Di seguito i riferimenti dettagliati per ciascun bando.   Concorso per la copertura di un posto di "Istruttore direttivo tecnico" (Cat. D) presso il servizio di polizia amministativa, commercio, fiere e mercati - Suap della Ripartizione Urbanistica, Ambiente, Territorio e Attività Produttive.   Concorso per la copertura di due posti di "Istruttore direttivo tecnico" (Cat. D) della Ripartizione Lavori Pubblici, di cui uno riservato al personale interno.

  • Info rifiuti: i contatti dell'Ecosportello

      Si ricorda che per tutte le informazioni inerenti i rifiuti e il servizio di igiene urbana e per la consegna dei kit per la differenziata, è attivo l'Ecosportello. Dal 26 ottobre il servizio è attivo in via Monviso 5A, nei pressi del Centro di raccolta. Gli orari di apertura e tutte le informazioni utili si trovano nella sezione dedicata. L’Ecosportello è raggiungibile telefonicamente al numero 0172.201054 o, via mail, all’indirizzo: ecosportello@strweb.biz.

  • Servizi Socio Assistenziali

    E' stata formalizzata la gestione associata in convenzione dei servizi socio-assistenziali tra i Comuni di Bra (ente capofila), Ceresole d’Alba, Cherasco, La Morra, Narzole, Pocapaglia, Sanfrè, Santa Vittoria d’Alba, Sommariva del Bosco, Sommariva Perno e Verduno. In questa sezione del sito web tutti i riferimenti relativi alle aree di intervento, alle sedi territoriali e ai contatti. 

  • BDAP - Banca Dati Amministrazioni Pubbliche: link parte lavori

     E' possibile accedere alle informazioni che il nostro Comune ha inviato alla BDAP (Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche del Ministero dell’Economia e delle Finanze) ai sensi del dlgs 229/2011 e secondo le modalità previste dal DM 26/02/2013.  Di seguito il link del Comune di Bra per accedere allla BDAP: Comune di Bra/BDAP .      

  • ZTL centro storico: i moduli per l'accesso

    Stanno per partire i controlli mediante telecamere dei varchi di accesso alla Ztl del centro storico. Residenti, titolari di posti auto, lavoratori ed altri soggetti che secondo la relativa ordinanza possono accedere all'rea, dovranno comunicare al comando di Polizia municipale i dati dei propri veicoli. I moduli per richiedere l'accesso.

  • Obbligo di pulizia di fossi e strade private

    Un'ordinanza comunale impone la pulizia di fossi e strade private ai proprietari di edifici e terreni prospicenti strade comunali o vicinali. Il motivo: impedire il ristagno di acqua sulla strada e il regolare deflusso. La sanzione può arrivare fino a 500 euro. La notizia.