Anche Bra ha ottenuto a Monta d'Alba il pannello delle “Strade del miele”. Consegnato all'assessore al turismo Michelino Davico dal vice presidente della Provincia di Cuneo, Emilio Lombardi, nell'ambito della cerimonia che si è tenuta lo scorso 21 novembre nella cittadina roerina celebrare la nascita del circuito degli undici Comuni che aderiscono all'iniziativa. Una volta installati, i pannelli creeranno un circuito che, partendo proprio dalla città della Zizzola e percorrendo la dorsale delle Rocche del Roero, che si chiude a Cisterna d'Asti. “Il miele diviene simbolo per divulgare un territorio – spiega l’assessore Davico - rappresentando un prodotto della terra presente in tutte le stagioni e strettamente legato all’ambiente, al lavoro delle api e all’ingegno dell’uomo. Recuperare il miele come sommo dolcificante, come insieme di storia, tradizioni ma soprattutto come alimento da riscoprire ogni giorno sulla nostra tavola, questo è un sogno ambizioso”.
Alle sue parole hanno fatto eco quelle di un altro braidese, Pier Giuseppe Abrate, presidente provinciale dell'Aspromiele, l'associazione che riunisce i produttori della Granda:”I pannelli sono stati concepiti per il grande pubblico e hanno scopo didattico, per avvicinare il visitatore al mondo delle api attraverso descrizioni, curiosità e particolarità che possono stimolarne l’interesse. D’altro canto il Roero è sempre più attento alla natura, e alla scoperta dei prodotti tipici, tra questi appunto il miele”. Aggiungendo: “La scelta di questo percorso ha una propria individualità, per garantire la massima fruibilità ai visitatori. Si può percorrere sia con l’auto, che in mountain bike,oppure semplicemente a piedi”. Nel corso del convegno, moderato dal presidente dell’Enoteca del Roero Luciano Bertello, l’onorevole Teresio Delfino, sottosegretario al Ministero delle Risorse agricole, ha reso nota la recentissima approvazione da parte dei due rami del Parlamento della nuova legge quadro nazionale per l’apicoltura. (rg)