IoAiutoBra 1 rid

Notizie Home

Educare alla scelta, individuare il ruolo della famiglia e gli strumenti di supporto nella fase cruciale della scelta scolastico-formativa dopo la terza media. E’ questo l’argomento che la psicologa Chiara Alessandria, esperta di processi di orientamento scolastico e professionale, affronterà nel seminario che si terrà lunedì 7 novembre, dal titolo “Quale percorso dopo la terza media”, che si svolgerà presso l’auditorium “Giovanni Arpino”, in Largo della Resistenza, a partire dalle 20,30.
Il seminario si propone di rispondere alla domanda “Come intervenire in questo processo, di quali strumenti disporre, come supportare i figli a divenire autonomi e consapevoli delle proprie scelte?”, ed intende rappresentare un momento di informazione e di preparazione per i genitori e gli alunni delle terze medie inferiori, in vista delle successive serate di presentazione dell’offerta scolastico-formativa, che vedranno protagonisti gli Istituti Superiori cittadini.

Anche in piazza Spreintenbach è possibile conferire vestiti, scarpe e altri indumenti usati in un apposito cassonetto. Da qualche giorno è stato infatti trasferito nell'ampio piazzale, di fronte alla clinica “Città di Bra” il raccoglitore che prima era posizionato in piazza XX Settembre.

Questa mattina, martedì 25 novembre 2005, la Giunta comunale di Bra ha consegnato una targa a Domenico Impagnatiello, che da poco ha lasciato il suo incarico di comandante della stazione di Polizia ferroviaria di Bra. Con lui anche il funzionario che gli subentrerà nell'incarico, Michele Riente.

Proseguono i lunedì di lettura per i più piccini alla Biblioteca civica di Bra. Nell'ambito del progetto “Nati per leggere”, ogni lunedì pomeriggio dalle 16:45 alle 17:45 i bimbi dai tre ai sei anni parteciperanno a letture animate, coinvolgendo nel piacere della lettura anche chi ancora non sa leggere.

Sono affissi all'ingresso del cimitero urbano di Bra e di quelli delle frazioni Pollenzo e Bandito, gli avvisi delle scadenze cimiteriali per il 2005. Per ogni concessione di loculo, ossario, tombino, celletta in scadenza, che non verrà rinnovato entro fine anno oppure per la quale non sarà esplicitamente chiesta una rinuncia o un eventuale spostamento della salma, si provvederà all'estumulazione d'ufficio, anche per le salme per le quali non fossero ancora decorsi i quarant'anni dalla data del decesso, con l'inumazione in fossa comune.