Notizie Home

Sarà una delle figure più amate dai bambini la protagonista del nuovo appuntamento con “Nati per Leggere”, i laboratori di promozione della lettura dedicati ai bambini dai tre ai sette anni che si svolgono ogni lunedì pomeriggio presso la biblioteca civica “Giovanni Arpino” di Bra. Stiamo parlando di Cappuccetto Rosso, le cui avventure saranno narrate dai volontari dell’associazione Stregatocacolor nel corso della lettura animata che si svolgerà lunedì 3 febbraio 2020. Il lunedì successivo, il 10 febbraio, le Officine Zeta racconteranno la storia di “G come gigante gentile”.

Presidio e controllo del territorio 365 giorni l’anno, con quasi 1300 posti di controllo effettuati, 899 servizi di pattugliamento in centro città a piedi o in bici, 264 servizi di vigilanza in aree verdi e giardini e ben 164 mila chilometri percorsi. E, ancora, un’intensa attività di Polizia giudiziaria, controlli ambientali, interventi legati all’infortunistica stradale e alla verifica del rispetto del Codice della Strada, notificazioni, vigilanza edilizia e sul commercio, educazione stradale. E’ stato un anno di grande operatività quello appena conclusosi per la Polizia Municipale di Bra, che ieri sera – nel corso della tradizionale conferenza stampa in occasione delle celebrazioni di San Sebastiano - ha presentato i dati relativi all’attività svolta a servizio della città nel corso del 2019.

Prosegue il ciclo di incontri della Scuola di Pace “Toni Lucci” di Bra che, nel suo 28esimo anno di attività, si pone l’obiettivo di approfondire la quantomai attuale tematica dei cambiamenti climatici.Martedì 28 gennaio 2020, alle 20.30 nella sala conferenze del centro polifunzionale “Giovanni Arpino” (via Guala 1), il ricercatore Giorgio Vacchiano presenterà “La silenziosa lezione degli alberi”, affascinante viaggio nelle foreste dell’Italia e del mondo, alla scoperta dei modi in cui gli alberi sanno adattarsi al cambiamento climatico, di come sanno risolvere il problema della mancanza d’acqua, come sanno ritornare e rinascere dopo un incendio e addirittura come sanno spostarsi per centinaia di chilometri.

Sono aperte le prenotazioni per i soggiorni al mare e alle terme che anche quest’anno il Comune di Bra, con la collaborazione di Arci-Unitrè, organizza per i cittadini over 60.

I legami tra Bra e lo Stato del Benin hanno visto la luce verso la metà degli anni Duemila, quando don Max-Cyr Lafia, sacerdote originario di quella nazione dell’Africa occidentale, venne nominato viceparroco nella nostra città. Dopo il suo rientro in patria, l’affetto e l’attenzione della cittadinanza per una terra così lontana non sono mai mancati, non solo negli ambienti religiosi, ma anche nel mondo laico ed istituzionale. Da un lato, infatti, l’amministrazione civica ha consentito negli scorsi anni di reperire fondi regionali tramite bandi per progetti di cooperazione internazionale (realizzati nel comprensorio di Parakou, città d’origine del sacerdote). Dall’altro, il movimento Slow Food si è ben radicato ed è attivo in tutto il vasto Paese, che dalla fertile costa atlantica del Golfo di Guinea si estende a nord fino all’arido Sahel, proprio dove il problema della produzione agricola comincia a farsi sentire in modo prepotente.