IoAiutoBra 1 rid

A partire da lunedì 4 maggio 2020 ha preso il via la "Fase 2" nella gestione della pandemia di coronavirus. Il Dpcm del 26 aprile introduce numerose deroghe alle limitazioni in vigore nei giorni scorsi, a cominciare dalla riapertura di molte attività lavorative, tra cui le imprese di costruzioni, le industrie manifatturiere, estrattiva, automobilistica, tessile e del vetro. Tra le novità introdotte la possibilità di muoversi da un Comune all'altro entro la stessa Regione per motivi di lavoro, salute o "necessità e urgenza". Tra le autorizzazioni previste dal Decreto, anche "gli spostamenti per incontrare congiunti, purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento e vengano utilizzate protezioni delle vie respiratorie", nonché la possibilità di fare attività sportiva individuale rispettando le distanze di sicurezza. Chiarimenti circa i comportamenti da tenere si trovano nelle FAQ del Governo.

Ulteriori disposizioni sono dettate dal Decreto n. 50 della Regione Piemonte, che stabilisce tra l'altro che ai cittadini piemontesi possano raggiungere le seconde case (site nell'ambito del territorio regionale) per le sole attività di manutenzione e riparazione con l'obbligo di rientrare in giornata presos l'abitazione abituale, regola le modalità di svolgimento dei mercati di prodotti alimentari e l'attività degli esercizi di toelettatura degli animali.

Aree verdi - In città sono previste alcune importanti novità, a cominciare dalla riapertura al pubblico delle aree verdi pubbliche non recintate per fare attività sportiva o per una semplice passeggiata purché vengano mantenute le distanze di sicurezza (2 metri in caso di attività sportiva, 1 metro in caso di passeggiate o di sosta sulle panchine). Non sarà consentito svolgere attività ludico-ricreative, fare feste e pic-nic. Rimangono ancora inaccessibili invece le aree gioco per i bambini, che sono transennate. Saranno chiusi al pubblico fino al 10 di maggio i Giardini del Belvedere della Rocca. Tornano a essere fruibili invece le piste ciclabili cittadine.

Take away - In ottemperanza a quanto previsto dal Decerto n. 49 della Regione Piemonte, è ora possibile per le attività commerciali – bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie – avviare un servizio di asporto dei cibi su prenotazione, il cosiddetto "take away". Si dovranno però rispettare delle precise disposizioni di sicurezza, a cominciare dal divieto di consumare cibi all'interno dei locali o nelle immediate vicinanze, cui si aggiunge il divieto di assembramento e l'obbligo di indossare mascherine protettive e di rispettare le distanze di sicurezza nei locali così come durante le code.

Cimiteri - Da lunedì 11 maggio riapriranno i tre cimiteri cittadini di viale Rimembranze, Bandito e Pollenzo. I visitatori potranno accedervi dalle 8 alle 19, sabato e domenica compresi. La fruizione degli spazi dovrà avvenire tramite visite brevi e nel rigoroso rispetto del divieto di ogni forma di assembramento e del mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Durante le visite è raccomandato l’uso dei dispositivi di protezione individuale, mascherine e guanti, soprattutto se occorre utilizzare fontane e cassonetti. Le cerimonie funebri si svolgeranno in ottemperanza alle disposizioni nazionali alla presenza di un massimo di 15 congiunti, fermo restando il rispetto di tutte le misure di sicurezza.

Uffici comunali - L’attività del Comune di Bra procede con limitazione della presenza fisica negli uffici dei dipendenti pubblici. Viene in ogni caso garantita l’erogazione dei servizi essenziali prioritariamente mediante il ricorso a modalità di lavoro a distanza. Gli uffici possono essere contattati chiamando il centralino di Palazzo Municipale allo 0172-438111 durante i consueti orari.

Tutte le informazioni - un quadro completo delle informazioni su disposizioni normative e servizi alla cittadinanza continuamente aggiornato si può trovare QUI.

Aiutaci e aiutati: rispetta scrupolosamente le norme di sicurezza