Sono in programma venerdì 27 settembre 2019 ad Alba e Bra i due eventi conclusivi di “Talenti Latenti”, innovativo progetto per un nuovo modello di welfare di comunità che, dal 2016 ad oggi, ha messo in rete, sul territorio di Alba, Bra, Langhe e Roero, aziende private, terzo settore ed enti pubblici, uniti nel proporre percorsi formativi e informativi a favore dei dipendenti delle aziende aderenti, delle loro famiglie e della cittadinanza in ambiti come il sostegno alla genitorialità, la promozione di stili di vita sani e attivi, la conciliazione del tempo-lavoro e la gestione di bilancio familiare e attività domestiche.

Il convegno finale

Venerdì 27 settembre 2019, alle 14 nella sala “Mons. Natale Bussi” del Seminario Vescovile di Alba (piazza Vittorio Veneto 1), avrà luogo il convegno che, attraverso le testimonianze di relatori e ospiti di rilievo, presenterà il frutto dei tre anni di lavoro di “Talenti Latenti”. Dopo i saluti dei sindaci di Alba Carlo Bo e di Bra Gianni Fogliato, del presidente della Fondazione CRC Giandomenico Genta e del direttore generale dell’Asl Cn2 Alba-Bra Massimo Veglio, si entrerà nel vivo del Convegno con gli interventi “Talenti Latenti: una progettualità proiettata al futuro” (Giuliana Chiesa, Asl Cn2, coordinatrice progetto), “Cosa è stato realizzato” (Salvatore Rao, presidente de “La Bottega del Possibile” e Rosa Badagliacca, Università degli Studi di Torino), “Il welfare aziendale: una realtà in cammino” (Egle Sebaste, Sebaste spa), “L’uscita dai nostri tradizionali ambiti ha innescato cambiamenti positivi” (Marco Bertoluzzo, direttore consorzio “Alba-Langhe-Roero), “Le linee programmatiche della Regione a sostegno del welfare aziendale” (Chiara Caucino, assessore regionale al Welfare e ai Bambini) e “L’integrazione tra welfare pubblico e aziendale è possibile?” (Elisabetta Notarnicola, Cergas Sda Bocconi). Chiude il pomeriggio di studi “Una rete in dialogo: pubblico, privato sociale e privato profit”, confronto fra il presidente della cooperativa sociale Emmaus Alberto Bianco, la responsabile delle risorse umane Dimar Spa Clara Rocca, il dirigente Asl Cn2 Alba-Bra Roberto Trova e il dirigente dei Servizi alla Persona del Comune di Bra Fabio Smareglia, moderato dal giornalista de “La Stampa” Roberto Fiori.

Lo spettacolo “Olivetti Camillo: alle radici di un sogno”

La giornata dedicata al progetto “Talenti Latenti” proseguirà alle 21 al Teatro Politeama Boglione di Bra (piazza Carlo Alberto), dove andrà in scena lo spettacolo “Olivetti Camillo: alle radici di un sogno”, interpretato da Laura Curino, per la regia di Gabriele Vacis e realizzato dall’associazione culturale Muse in collaborazione con la Fondazione Teatro Stabile di Torino.

E’ la storia di Camillo Olivetti, il pioniere, l’inventore, l’anticonformista capriccioso e geniale che fonda, agli inizi del Novecento, la prima fabbrica italiana di macchine per scrivere. Con l’aiuto di biografie, interviste, testi letterari ne sono stati ricostruiti la vita, le figure che gli ruotano attorno, l’ambiente e le imprese.

Le voci narranti - affidate alla straordinaria Laura Curino, una tra le maggiori interpreti del teatro di narrazione - sono quelle di due personaggi fondamentali della sua storia: la madre, Elvira Sacerdoti, e la moglie, Luisa Revel. Queste due donne, provenienti entrambe da una cultura di minoranza (ebrea la prima, valdese la seconda) sono state le protagoniste silenziose della formazione e della realizzazione del sogno olivettiano. E’ il racconto epico di un’avventura, avvincente, pieno di colpi di scena, di prove da superare, di lotte, di amori, di eroi. La cosa più straordinaria è che è… tutto vero.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

“Talenti Latenti” in sintesi

Il progetto, risultato della collaborazione e sinergia tra Enti Pubblici e del Privato Sociale, ASLCN2, Enti Gestori di Alba e di Bra e la Cooperazione Sociale del territorio, ha proposto un calendario di eventi info-formativi focalizzati in particolare sulle tematiche della genitorialità, degli stili di vita sani, dell’educazione finanziaria e del benessere psicofisico. A partire dall’ottobre 2016 fino a maggio di quest’anno sono stati proposti al territorio di Alba-Bra 50 eventi, a cui hanno partecipato oltre mille persone. Tra le iniziative del progetto, anche la creazione di un Welfare Point nelle sedi di Alba e Bra, spazio qualificato dedicato ai cittadini in cui ricevere, in modo rapido e semplificato, informazioni inerenti le prestazioni sociali e socio sanitarie.

Crediti e informazioni

“Talenti Latenti: rete per un welfare di comunità” è un progetto che vede quale capofila il Comune di Bra - Gestione associata dei Servizi socio assistenziali, è stato finanziato interamente dalla Fondazione CRC nell’ambito del bando “Cantiere Nuovo Welfare” e realizzato in collaborazione con il Consorzio Socio assistenziale Alba-Langhe-Roero e l’ASL CN2, le cooperative sociali del territorio Alba-Bra e le aziende Dimar Spa, Sebaste Spa, Slow Food e l’Università di Scienze Gastronomiche.

Per ulteriori informazioni: www.talentilatenti.it e info@talentilatenti.it. (em)

Info: Città di Bra – Ufficio Stampa e Urp

tel. 0172.438281 – urp@comune.bra.cn.it