E' stato approvato a Bra dall'Assemblea consortile, nella serata di ieri giovedì 15 marzo 2007, il bilancio 2007 del consorzio Ca.In., il nuovo ente che si occupa delle problematiche del randagismo canino per conto di quaranta Comuni delle Langhe e del Roero. Il documento, per l'anno 2007, pareggia sulla cifra di 591.200 euro ed è stato approvato all'unanimità dai Sindaci presenti. Nella sua relazione, il presidente del Consiglio di amministrazione, Giuseppe Canalis, ha messo in evidenza il lavoro fatto dagli organi esecutivi sin dal loro insediamento. “Il Consorzio ha trovato modo di porre le basi per una gestione oculata, che si ponga l'obiettivo di un razionale equilibrio tra i costi connessi alle funzioni che ci sono state delegate ed i benefici derivanti da servizi efficienti che si pongano come fine principe quello del benessere animale” - ha detto il presidente Canalis - “Partendo da qui abbiamo avviato una costante concertazione con l'azienda sanitaria e con la Regione Piemonte, abbiamo portato a termine il subentro nelle convenzioni, che sia l'associazione preesistente che i singoli Comuni avevano sottoscritto, sia per i servizi connessi al canile rifugio che per il canile sanitario”. Durante la seduta dell'Assemblea, presieduta dal sindaco di Feisoglio Bruna Gallo, è stata data notizia dell'ottenimento dalla Regione Piemonte di un contributo per forme associative di prima istituzione, che porterà nelle casse consortili quarantacinque mila euro il primo anno e trentamila nei successivi cinque.(fonte: Ufficio Stampa Ca.In. - Canile intercomunale)