IoAiutoBra 1 rid
Sarà presentato mercoledì 8 novembre 2006 a Bra il vademecum “Occhio alla truffa! Manuale di informazione su furti, inganni e truffe”. Realizzato dal Comune di Bra con la consulenza del criminologo Marco Bertoluzzo e dell’illustratore Giorgio Sommacal, il vademecum suggerisce semplici misure precauzionali da adottare per evitare di incorrere in raggiri e truffe o per cercare di non diventare vittime di scippi, borseggi o furti. Inoltre, “Occhio alla truffa!” contiene alcune indicazioni sui principali uffici e servizi comunali di interesse per le persone anziane. L'obiettivo, alimentare una maggior sensibilità al rischio e una maggiore attenzione al pericolo per i soggetti più deboli, dopo che negli ultimi anni, la questione dei reati commessi a danno delle persone anziane è diventata fenomeno di attualità anche nei territori di provincia. L'opuscolo segue una serie di momenti formativi rivolti agli agenti della Polizia municipale cittadina ed interventi di sensibilizzazione nei Centri d’incontro anziani, con iniziative a favore delle vittime di reato e la promozione di una campagna informativa di prevenzione. Il vademecum sarà presentato presso l’Auditorium del Centro polifunzionale culturale “Giovanni Arpino” di largo Resistenza a partire dalle ore 15. All’incontro interverranno il sindaco di Bra, Camillo Scimone, l'assessore comunale Roberto Russo, il Comandante del Corpo di Polizia municipale, il dottor Mauro Taba, ed il professor Duccio Scatolero, docente di Criminologia presso l’Università degli Studi di Torino. L’opuscolo sarà poi inviato a tutti i cittadini che hanno compiuto sessantacinque anni e verrà messo in distribuzione presso i centri di incontro anziani, gli uffici pubblici, le associazioni di volontariato e tutti i servizi pubblici ed i luoghi di incontro frequentati dalle persone anziane. nei prossimi giorni verranno portati poi a termine gli interventi previsti dal progetto “Bra Città sicura”, promosso dalla Amministrazione comunale della Città della Zizzola con il cofinanziamento della Regione Piemonte (ai sensi della L.R. 06/2004). Il primo intervento vedrà l’attivazione di due nuove postazioni di video sorveglianza sul territorio: una a Pollenzo, l'altra nella zona dell’ospedale Santo Spirito. (rg)