Scade il primo marzo la possibilità di presentare domanda in Comune per accedere ai contributi regionali per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati. Lo annuncia una nota della Regione Piemonte inviata in questi giorni al Comune di Bra, che illustra le modalità con le quali il contributo, previsto dalle leggi regionali 13 e 62 del 1989, potrà essere erogato. In particolare, avranno diritto ad ottenere il contributo i disabili che sostengono direttamente le spese per l'eliminazione delle barriere architettoniche, i genitori o tutori di persone disabili, i proprietari di edifici che investono per adattare l'alloggio o facilitare l'accesso dove risiedono persone disabili, i condominii purché vi risiedano disabili (per le spese di adeguamento delle parti comuni) e i centri o gli istituti residenziali per l'assistenza a persone disabili.
La domanda dovrà essere redatta su un modulo in distribuzione agli uffici della Ripartizione Urbanistica della Città di Bra (via Barbacana 5, quarto piano), da parte della persona disabile o da chi ne esercita la potestà o la tutela. Maggiori informazioni sono contenute sul sito http://www.regione.piemonte.it/edilizia/index.htm o presso gli uffici comunali. (rg)