Dopo la prima seduta di insediamento che ne ha definito i vertici, si è riunita ieri sera, lunedì 7 febbraio 2005, la Consulta comunale per le pari opportunità. Nel corso dell'incontro sono state definite le linee operative dell'attività 2005 dell'organismo, che ha la funzione di promuovere azioni per sostenere condizioni di reale parità tra i due sessi. Per ottenere l'obiettivo, i membri della consulta si sono divisi in diversi gruppi di lavoro, ognuno dei quali seguirà un singolo progetto. L'impegno più a breve termine sarà per il mese di marzo, quando verrà organizzata una serata con la proiezioni di un film significativo sulla condizione femminile. Di questo evento si stanno occupando le signore Guaratto, Rizzo e Fagnola, mentre la professoressa Bersano è impegnata nell'organizzazione di una serata di arte al femminile. Tra le attività promosse, anche la realizzazione di un ciclo di incontri a tema con al centro le questioni inerenti la salute. Di seguire questa attività sono state incaricate le signore Esposito e Boero. Infine, si lavorerà per l'elaborazione di una ricerca sulle figure femminili più significative della città. A questo progetto stanno lavorando le signore Alessandria, Santoro, Guaratto, Fagnola e Tubito.
Già definiti anche i prossimi impegni della consulta. Nella prossima seduta si discuterà del progetto “Banca del tempo”, mentre non appena saranno definiti i direttivi delle associazioni di categoria, sarà proposto un incontro con le donne artigiane. “Una caratteristica che contraddistingue l'attività della Consulta” - dice il suo presidente, Bruna Sibille - “è la forte operatività delle sedute. Non abbiamo mai avuto il problema di mettere ai voti una qualche iniziativa o di verificare chi sono i membri effettivi o quelli supplenti, anche perché c'è sempre bisogno del contributo di tutti. In questo quadro, mi fa molto piacere constatare come ad impegnarsi in prima persona siano spesso le componenti più giovani”. (rg)