Notizie Home

L'assessore all'Ambiente del Comune di Bra, Giovanni Marco Gallo, ha rappresentato ufficialmente l'Amministrazione civica durante il viaggio sui luoghi della vergogna della Seconda guerra mondiale: i campi di sterminio di Buchenwald, Flossemburg e Dachau. L'iniziativa, partita dalla sede cuneese dell'Associazione nazionale degli ex deportati politici nei campi nazisti ed organizzata dalla sede provinciale dell'Acli e dal comitato locale di Cuneo della Croce Rossa Italiana, aveva ottenuto il patrocinio della Città di Bra.

Anche Bra si impegnerà per diventare uno dei “Comuni fioriti del Piemonte”. L'amministrazione civica della città della Zizzola ha deciso di raccogliere la sfida , partecipando al bando promosso dall'Asproflor in collaborazione con l'Atl del Distretto dei Laghi. L'iniziativa prevede l'impegno da parte dei Comuni nell'attivarsi ad investire in fiori e arredo urbano, facendo rientrare queste attività all'interno delle buone pratiche di accoglienza turistica. In questo senso, entro il mese di luglio corso Cottolengo sarà arredato con trentasei fioriere, ognuna delle quali conterrà cinque vasi, visibili lungo tutte le arcate dell'Ala di corso Garibaldi. E' inoltre allo studio anche la realizzazione di alcune fioriera da applicare ai punti di illuminazione pubblica della rinnovata piazza XX Settembre, oltre a proseguire gli impegni di manutenzione sulle aree verdi e sulle fioriere già presenti in città.

Momento di grande folk in programma a Bra giovedì 21 luglio 2005 quando il gruppo sardo dei Su Masu sarà a Bra per proporre un repertorio fatto di canti e balli tradizionali dell'isola mediterranea. Nati nel 1975, i Su Masu utilizzano nelle loro riproposizioni musicali antichi strumenti, dalle antichissime Launeddas, al tamburello, dall'organetto diatonico sino a fisarmonica e “sa Trunfa”. Il concerto si inserisce nell'ambito di “I ritmi del mondo e delle culture”, l'appuntamento con il folk all'interno del ricco cartellone di eventi di “Bra città della musica”. L'inizio del concerto, organizzato dall'amministrazione comunale in collaborazione con Folkermesse, è fissato per le ore 21 sul palco della centralissima piazza caduti per la Lbertà. Ingresso a 7 euro e maggiori informazioni all'Ufficio Turismo e Manifestazioni del Comune in via Moffa di Lisio 14 (telefono 0172.430185 – posta elettronica turismo@comune.bra.cn.it).
Fuori programma per la serata del 14 luglio. Per l'impossibilità di raggiungere l'Italia, il gruppo greco-magiaro dei Sirtos non sarà sul palco di Bra. Alle 21, al loro posto, si esibiranno i Ssassa, cinque musicisti tzigani che guideranno il pubblico in un percorso musicale che spazierà lungo le tradizioni musicali degli zingari d'Oriente, con melodie che renderanno alle orecchie degli spettatori il sentore delle atmosfere balcaniche e del Medio Oriente. Clarinetto, saxofono, percussioni, liuto arabo e alti strumenti domineranno la scena, assieme alla danza di una ballerina che farà vibrare il suo corpo sui ritmi indiavolati delle musica dei Ssassa. Ultima data della rassegna de “I ritmi del mondo e delle culture” sarà per mercoledì 28 luglio, con la musica anglo-indiana degli Achanak. (rg)
Saranno definite le aree di “tutela assoluta” (entro dieci metri dall'area di captazione), di “rispetto” (entro 200 metri) e “di protezione” dei terreni circostanti i tre pozzi principali cui attinge l'acquedotto comunale di Bra. In applicazione della legge regionale sulla tutela delle acque, a deciderlo nella sua ultima seduta è stata la Giunta comunale della città della Zizzola, affidando l'incarico ad uno studio tecnico braidese (lo studio Zerotrepiù) di redigere tutti gli atti necessari relativamente ai tre impianti di Casa del Bosco (due impianti) e del Pozzo Petitti, nei pressi della stazione di pompaggio del Baffumetto.