Notizie Home

Si chiameranno “Sezione Euclide Milano” gli spazi dedicati a storia ed arte del Museo Civico di Palazzo Traversa a Bra. Lo ha deciso nei giorni scorsi la Giunta comunale della città della Zizzola che ufficializzerà, in una cerimonia pubblica, l'intitolazione nell'ambito delle presentazioni degli atti delle giornate di studio dedicate al Milano nel marzo 2003, curate dalla Società per gli studi storici, archeologici ed artistici della Provincia di Cuneo.

Tanta gente a Bra, ieri martedì 19 aprile 2005, alla presentazione del progetto “Città, bambini e salute”, l'iniziativa che dal 26 al 30 aprile proporrà sotto la Zizzola una serie di appuntamenti per bambini e famiglie. Moderati dal coordinatore del progetto, il dottor Daniele Saglietti del Soc di Psicologia dell'Asl 18, hanno portato i loro saluti il sindaco di Bra, Camillo Scimone, che ha definito l'iniziativa un segno “di una forte attenzione nei confronti dei minori”, ed il direttore generale dell'Asl 18, il dottor Francesco Morabito. Il manager dell'azienda sanitaria albese-braidese ha ritenuto “Città, bambini, salute” un “momento di riflessione sulle problematiche dei giovani, che sono la nostra risorsa maggiore”, sottolineando come si ponga nella dovuta attenzione il tema della prevenzione, in una rassegna “che coinvolge tutta la città nel nome dei bambini, realtà che spesso la nostra disattenzione non ci consente di conoscere adeguatamente” come evidenziato dall'assessore alle Risorse culturali della Città di Bra, Michelino Davico.

“Voglio fare con te / quello che la primavera fa con i ciliegi”. Questi i versi di una celebre poesia di Pablo Neruda che, mercoledì 20 aprile 2005 alle ore 21, troveranno nella calda voce di Oliviero Corbetta, uno dei più noti doppiatori italiani, un'interpretazione d'eccezione al Teatro Politeama di Bra. Titolo dello spettacolo: “E' la parola un'ala del silenzio”.

E' stata ricevuta questa mattina, giovedì 14 aprile 2005, dalla Giunta comunale di Bra la signora Vincenza Sciacca, da anni collaboratrice dell'Amministrazione civica e che lascerà il suo lavoro per un meritato periodo di pensione. Vincenza Sciacca ha svolto, dal 1984, l'attività di assistente ai ragazzi portatori di handicap ed ha operato per molti anni all'Asilo nido comunale e nelle scuole materne cittadine, divenendo una figura importante per i bambini per le sue doti umane e professionali.

Hanno ospitato gioielli, ora sosterranno alcune gemme scelte tra i balocchi dei tempi passati. Questo il destino di tre scaffali che la famiglia Berrino, eredi di Giovanni noto titolare di una gioielleria cittadina, hanno voluto donare alla Biblioteca civica di Bra per essere utilizzati nell'allestimento del Museo del giocattolo, istituto che sarà realizzato presso il Centro culturale polifunzionale “Giovanni Arpino”.