Crowdfunding civico

Ultime Home

Due importanti cantieri stradali che interessano e interesseranno nei prossimi mesi strade limitrofe al territorio di Bra (in particolare sulla salita Bergoglio e sulla provinciale 7 per accesso all’ospedale di Verduno) hanno e avranno ripercussioni sulla viabilità cittadina. Pertanto, il Comune di Bra ha deciso di disattivare temporaneamente il semaforo all’incrocio tra via Cuneo e via IV Novembre in modo da rendere più fluida la circolazione ed evitare lo stop delle auto in attesa del verde. E’ stato anche rinviato temporaneamente un intervento sui sottoservizi di via Piave che avrebbe richiesto la chiusura della strada con ulteriori disagi nei collegamenti interni alla città. Contestualmente, insieme al sindaco di Cherasco, il primo cittadino braidese, Bruna Sibille, ha inviato una lettera al presidente dell’Asti-Cuneo, Giovanni Quaglia, per chiedere la sospensione temporanea del pagamento del pedaggio sul tratto autostradale dell’Asti Cuneo con particolare riferimento ai mezzi pesanti in transito. Tale richiesta viene motivata dalla necessità di incentivare i viaggiatori ad utilizzare i percorsi alternativi più scorrevoli lungo le direttrici penalizzate dai cantieri intorno al nodo di Alba e di Bra-Cherasco.

La situazione della viabilità sul territorio viene costantemente monitorata dai competenti uffici comunali in rete con gli altri enti coinvolti, con particolare attenzione ai disagi che possono verificarsi per gli automobilisti e i cittadini braidesi per il riflesso di due importanti e attesi interventi in ambito viario, che pur non insistendo sul territorio della città di Bra, rivestono grande rilevanza per il complesso della viabilità da e per la città. 


Info: Città di Bra – Ufficio stampa e relazioni con il pubblico
tel. 0172.438278 – urp@comune.bra.cn.it

Si riunisce lunedì 28 maggio 2018 alle 17,30, il consiglio comunale di Bra convocato dal presidente Biagio Conterno in sala “Achille Carando”, al piano terreno del palazzo municipale. All’ordine del giorno dopo le interrogazioni e tre proposte di mozioni, ci sarà l’approvazione dello schema di convenzione per la gestione associata dei servizi socio-assistenziali con i comuni limitrofi. In calendario anche la discussione di delibere riguardanti l’adozione definitiva della revisione della classificazione acustica del territorio, una variazione urbanistica sul territorio di frazione Pollenzo e il nuovo regolamento della biblioteca civica “Giovanni Arpino”. Sarà possibile seguire il Consiglio comunale in diretta streaming sul sito www.comune.bra.cn.it e, successivamente, in differita sul canale You Tube del Comune di Bra. (ea)

 

Di seguito l'ordine del giorno dei lavori:

1. Comunicazioni del presidente e del sindaco.
2. Interrogazioni
3. Proposta di mozione per “Promozione e incentivazione della sperimentazione del vuoto a rendere ai sensi del decreto n.142 del 3 luglio 2017, presentata dal Movimento 5 Stelle.
4. Proposta di mozione “Per il percorso di modifica della forma di gestione associata dei servizi sociali e socio sanitari” presentata dal Movimento 5 Stelle.
5. Proposta di mozione “Per attuazione regolamento UE 2016/679 in materia di protezione dei dati personali per valorizzare le risorse umane interne e per al sua trasparenza e economicità” presentata di gruppi “Movimento 5 Stelle” e “Bra città per vivere”.
6. Approvazione dei verbali della seduta precedente: dal n. 18 al n. 21 del 23.4.2018.
7. Revisione classificazione acustica del territorio comunale di Bra, ai sensi L. R. n. 52 del 20 ottobre 2000 e S.M.I. Adozione definitiva.
8. Art. 17 comma 12 Lett. D) L.R. 56/77 e S. M. I.- Modifica del tipo di strumento urbanistico esecutivo per il comparto n. 203-206 del Prgc vigente in frazione Pollenzo, strada Crociera Burdina.
9. Approvazione schema di convenzione per la gestione associata dei servizi socio-assistenziali tra i Comuni di Bra, Ceresole d’Alba, Cherasco, La Morra, Narzole, Pocapaglia, Sanfrè, Santa Vittoria d’Alba, Sommariva del Bosco, Sommariva Perno e Verduno.
10. Regolamento della biblioteca civica “Giovanni Arpino”.

Info: Città di Bra – Segreteria generale
tel. 0172.438317 – segreteria@comune.bra.cn.itari. (ea)

Tre semplici linee che, accostate tra loro, restituiscono l’immagine dinamica di pagine sfogliate di un libro: da oggi la biblioteca civica “Giovanni Arpino” di Bra ha un nuovo logo identificativo, individuato nell’ambito del concorso creativo promosso nei mesi scorsi proprio dalla struttura di via Guala e rivolto alle classi delle scuole superiori cittadine. A realizzare il logo prescelto è stato Davide Sabatini, studente della classe quarta A dell’istituto “Velso Mucci” che, come richiesto dal concorso di idee, ha saputo ideare “un’immagine originale e rappresentativa, che 'racconta' questa realtà cittadina, incarnandone lo spirito in maniera efficace e moderna”.

Bra differenzia, e lo fa bene: i dati ufficiali comunicati dalla Regione Piemonte attestano che la raccolta differenziata in città ha raggiunto quota 70,4%, a conferma del forte trend di crescita degli ultimi anni che già nel 2016 - con quattro anni di anticipo e una percentuale del 66,8% -, vedeva la città della Zizzola ben oltre gli obiettivi di riciclaggio al 65% fissati dall’Unione Europea per il 2020. Bra performante non solo relativamente alla quantità di rifiuti raccolti in modo differenziato, ma anche per la produzione pro-capite di indifferenziata, che scende dai 177 chilogrammi per abitante del 2016 ai 166 nel 2017, centrando l’obiettivo fissato dal Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani della Regione Piemonte per l’anno in corso (quota non superiore ai 190 kg/abitante) e avvicinandosi con largo anticipo al traguardo 2020 di 159 chilogrammi pro-capite.

E’ stato formalizzato nei giorni scorsi dal Co.a.b.s.er (Consorzio rifiuti albese e braidese) l’esito del bando di gara per il servizio di raccolta rifiuti e igiene urbana nella Città di Bra, con durata triennale ed eventuale proroga per ulteriori tre anni. La ditta aggiudicataria è Ambiente 2.0, con operatività da parte dell'azienda EnergetikAmbiente.

Ogni anno, nel periodo che va da marzo ad ottobre, milioni di italiani soffrono di vari tipi di allergie. Una delle essenze il cui polline causa forti sintomatologie respiratorie a soggetti allergici è l’Ambrosia Artemisiifolia, pianta infestante di origine americana che fiorisce tra agosto e ottobre, notevolmente diffusa sul territorio, soprattutto in terreni incolti, aree verdi abbandonate o industriali dismesse, cantieri edili, cigli stradali, massicciate ferroviarie, fossi e in generale tutte le aree abbandonate, nonché campi coltivati con semine rade quali girasole e soia. Una sola pianta può produrre da 3.000 a 60.000 semi, che possono mantenere la loro germinabilità fino a 40 anni.

In evidenza