Crowdfunding civico

Ogni anno, nel periodo che va da marzo ad ottobre, milioni di italiani soffrono di vari tipi di allergie. Una delle essenze il cui polline causa forti sintomatologie respiratorie a soggetti allergici è l’Ambrosia Artemisiifolia, pianta infestante di origine americana che fiorisce tra agosto e ottobre, notevolmente diffusa sul territorio, soprattutto in terreni incolti, aree verdi abbandonate o industriali dismesse, cantieri edili, cigli stradali, massicciate ferroviarie, fossi e in generale tutte le aree abbandonate, nonché campi coltivati con semine rade quali girasole e soia. Una sola pianta può produrre da 3.000 a 60.000 semi, che possono mantenere la loro germinabilità fino a 40 anni.

Il Comune di Bra, recependo la recente nota della Regione Piemonte in materia di prevenzione delle allergopatie, ha emanato un’ordinanza per la predisposizione di opportune iniziative finalizzate a limitare i disturbi causati dalla dispersione del polline dell'Ambrosia e a contrastare la diffusione della pianta attraverso operazioni di sfalcio. Il provvedimento impegna i proprietari e/o conduttori di aree agricole non coltivate, di aree urbane verdi incolte o industriali dismesse, i responsabili dei cantieri edili e stradali, gli amministratori degli stabili e i proprietari di aree in genere non edificate, a vigilare sull’eventuale presenza di Ambrosia nelle aree di loro pertinenza e a procedere all’estirpazione fisica se la pianta è rinvenuta in numero esiguo oppure a eseguire sfalci, da ripetersi più volte al fine di impedire la fioritura, in caso di infestazione più estesa. Entrambe le operazioni vanno eseguite entro la terza decade di giugno. Solo nel caso risultino impraticabili metodologie rispettose dell’ambiente (ad esempio estirpazione, taglio, pirodiserbo, trinciatura, discatura, erpicatura, aratura, fresatura, pacciamatura) è ammesso il trattamento di dette aree con idoneo diserbante, nel rispetto delle disposizioni del Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 22 gennaio 2014 e della Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2016, n. 25-3509. In caso di inottemperanza, sono previste sanzioni da 25 euro a 500 euro.

Maggiori informazioni contattando l’’Ufficio Ambiente del Comune di Bra, consultando il sito web www.comune.bra.cn.it oppure la sezione Sanità/prevenzione e promozione della salute del portare della Regione Piemonte www.regione.piemonte.it. (em)

Info: Città di Bra – Ufficio Ambiente

tel. 0172.438297– ambiente@comune.bra.cn.it

 

 

In evidenza

  • Raccolta rifiuti sospesa per festività il 1 maggio 2018

    In concomitanza con la festa dei Lavoratori del 1° maggio 2018 si ricorda che è sospeso il servizio di raccolta rifiuti.

  • Le ultime notizie

    Linea diretta con il Palazzo comunale.  

  • Bonus Asilo Nido 2017: informazioni per i neoiscritti

    Per le famiglie che fanno richiesta del Bonus Asilo Nido 2017, erogato dall'Inps, l'Asilo nido comunale di Bra (nella sede principale di via Caduti del Lavoro), rilascia le dichiarazioni dell’avvenuto inserimento in graduatoria del bambino necessarie alla presentazione delle domande per i bambini che ancora non frequentano il nido. Per info e richieste asilonido@comune.bra.cn.it . Si ricorda che le domande per il bonus possono essere presentate accedendo ai servizi telematici online dell'inps; chiamando il numero verde Inps 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile; rivolgendosi a Patronati o agli altri intermediari autorizzati. 

  • BDAP - Banca Dati Amministrazioni Pubbliche: link parte lavori

     E' possibile accedere alle informazioni che il nostro Comune ha inviato alla BDAP (Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche del Ministero dell’Economia e delle Finanze) ai sensi del dlgs 229/2011 e secondo le modalità previste dal DM 26/02/2013.  Di seguito il link del Comune di Bra per accedere allla BDAP: Comune di Bra/BDAP .      

  • ZTL centro storico: i moduli per l'accesso

    Stanno per partire i controlli mediante telecamere dei varchi di accesso alla Ztl del centro storico. Residenti, titolari di posti auto, lavoratori ed altri soggetti che secondo la relativa ordinanza possono accedere all'rea, dovranno comunicare al comando di Polizia municipale i dati dei propri veicoli. I moduli per richiedere l'accesso.

  • Obbligo di pulizia di fossi e strade private

    Un'ordinanza comunale impone la pulizia di fossi e strade private ai proprietari di edifici e terreni prospicenti strade comunali o vicinali. Il motivo: impedire il ristagno di acqua sulla strada e il regolare deflusso. La sanzione può arrivare fino a 500 euro. La notizia.