Crowdfunding civico

Dal 2 ottobre 2017 è possibile richiedere anche a Bra il rilascio della carta di identità elettronica, il nuovo documento identificativo (C.i.e.) che consiste in una tessera plastificata dalle dimensioni uniformate a quelle delle altre smart card, dotata di un chip informatico nel quale sono immagazzinate elettronicamente le informazioni anagrafiche del cittadino.

La C.i.e. consente di comprovare in modo certo l’identità del titolare, tanto sul territorio nazionale, quanto all’estero; è un documento di viaggio valido in tutti i paesi appartenenti all'Unione Europea e in quelli con cui lo Stato italiano ha firmato specifici accordi; è lo strumento da utilizzare per richiedere una identità digitale sul sistema SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) e consente di autenticarsi nei servizi telematici della pubblica amministrazione,

Tutte le precedenti carte di identità cartacee rimarranno pienamente valide fino alla scadenza su di esse indicata: la nuova C.i.e. viene rilasciata solo in caso di prima emissione, alla scadenza della carta precedente, oppure in sostituzione di quest'ultima per smarrimento, furto o deterioramento tale da non consentire più l'utilizzabilità del documento cartaceo in vigore. I termini di validità della C.i.e. rimangono invariati rispetto a quelli già previsti in precedenza per il documento di tipo cartaceo.

Come e dove richiederla

La C.i.e. viene rilasciata, previa raccolta delle informazioni anagrafiche da parte del Comune, dal Ministero dell'Interno - Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, che consegna il documento al cittadino entro sei giorni lavorativi dalla data della richiesta, spedendolo all'indirizzo indicato dal richiedente. Il cittadino può anche scegliere di farsi consegnare il documento d'identità presso lo sportello comunale in cui ha presentato la richiesta. Il costo della C.i.e. è stabilito in 22,20 euro, da pagare allo sportello comunale in contanti o tramite Pos (solo bancomat ed alcune carte prepagate), al momento del rilascio della ricevuta di richiesta di emissione della C.i.e.

La richiesta di emissione della C.i.e. deve essere fatta ai Servizi demografici del Comune di residenza. Bra ha attivato uno sportello dedicato, a cui è possibile accedere prenotando un appuntamento tramite il sito www.cartaidentita.interno.gov.it o di persona (per sé stessi o per altri) presso lo sportello Informazioni gestito dai Commessi comunali all'ingresso del Municipio in via Barbacana 6. In quest'ultimo caso, se la postazione dedicata sarà libera, la prenotazione sarà immediata e si potrà accedere subito alla procedura, altrimenti sarà fissato un appuntamento successivo.

La procedura di raccolta dati richiede circa 20 minuti di tempo. Pertanto gli appuntamenti saranno gestiti in modo da non eccedere gli orari di chiusura degli sportelli. L’Ufficio anagrafe (via Barbacana 6) è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,45 - il martedì ed il giovedì pomeriggio dalle 15 alle 16 (il sabato mattina dalle 9 alle 12 saranno gestite solo le carte d'identità urgenti). Al termine della procedura, lo sportello rilascerà al cittadino la ricevuta della richiesta di emissione della CIE, comprensiva del numero della pratica e della prima parte dei codici Pin/Puk associati ad essa. La seconda parte dei codici saranno contenuti nella busta di consegna della C.i.e. Si precisa che tale ricevuta non costituisce in alcun modo documento di identificazione o riconoscimento. Tutti i dettagli sulla procedura sono disponibili sul sito internet www.comune.bra.cn.it nella sezione Servizi demografici/ Anagrafe.


Info: Città di Bra – Servizi demografici

tel. 0172.438342 – anagrafe@comune.bra.cn.it

In evidenza

  • Le ultime notizie

    Linea diretta con il Palazzo comunale.  

  • Elezioni 4 marzo 2018

    Si vota per le elezioni politiche (Camera e Senato) domenica 4 marzo 2018. Tutte le informazioni utili agli elettori sono pubblicate nella sezione Servizi e Procedimenti/Elettorale/Elezioni politiche 4 marzo 2018. Per info è possibile contattare l'Ufficio elettorale al numero 0172.438287 –elettorale@comune.bra.cn.it

  • Pubblicazione liste di leva anno 2001

    L’elenco nominativo dei giovani compresi nella lista di leva dei nati nell’anno 2001, che consta di n. 129 iscritti, è pubblicato sul sito web istituzionale e depositato da oggi (1 febbraio 2018) nell’Ufficio Leva di questo Comune, fino al 15 febbraio p.v.

  • Bonus Asilo Nido 2017: informazioni per i neoiscritti

    Per le famiglie che fanno richiesta del Bonus Asilo Nido 2017, erogato dall'Inps, l'Asilo nido comunale di Bra (nella sede principale di via Caduti del Lavoro), rilascia le dichiarazioni dell’avvenuto inserimento in graduatoria del bambino necessarie alla presentazione delle domande per i bambini che ancora non frequentano il nido. Per info e richieste asilonido@comune.bra.cn.it . Si ricorda che le domande per il bonus possono essere presentate accedendo ai servizi telematici online dell'inps; chiamando il numero verde Inps 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile; rivolgendosi a Patronati o agli altri intermediari autorizzati. 

  • BDAP - Banca Dati Amministrazioni Pubbliche: link parte lavori

     E' possibile accedere alle informazioni che il nostro Comune ha inviato alla BDAP (Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche del Ministero dell’Economia e delle Finanze) ai sensi del dlgs 229/2011 e secondo le modalità previste dal DM 26/02/2013.  Di seguito il link del Comune di Bra per accedere allla BDAP: Comune di Bra/BDAP .      

  • ZTL centro storico: i moduli per l'accesso

    Stanno per partire i controlli mediante telecamere dei varchi di accesso alla Ztl del centro storico. Residenti, titolari di posti auto, lavoratori ed altri soggetti che secondo la relativa ordinanza possono accedere all'rea, dovranno comunicare al comando di Polizia municipale i dati dei propri veicoli. I moduli per richiedere l'accesso.

  • Obbligo di pulizia di fossi e strade private

    Un'ordinanza comunale impone la pulizia di fossi e strade private ai proprietari di edifici e terreni prospicenti strade comunali o vicinali. Il motivo: impedire il ristagno di acqua sulla strada e il regolare deflusso. La sanzione può arrivare fino a 500 euro. La notizia.