Bra raggiunge con tre anni di anticipo l’obiettivo di raccolta differenziata fissato per legge: i dati ufficialmente trasmessi dal Consorzio Coabser alla Regione parlano di una differenziata che tocca quota 66,8%. Costante, negli ultimi anni, la crescita che ha portato a superare l’obiettivo del 65% stabilito per il 2020: nel 2015 la differenziata a Bra si era attestata al 64,1% in netta ascesa rispetto al 2014 quando era al 59,7%.

“Sono numeri molto positivi, molto confortanti e soprattutto un segnale che insieme stiamo lavorando nella giusta direzione – commentano il sindaco Bruna Sibille e l’assessore all’Ambiente, Sara Cravero che sottolinea: - Abbiamo ‘guadagnato’ più di sette punti percentuali negli ultimi due anni attestando il miglior trend di crescita tra i 55 comuni del territorio del Coabser. Arriviamo al 65,1% con le sole utenze domestiche e la restante parte del risultato è frutto del contributo delle utenze non domestiche”. 

A traghettare Bra e i braidesi verso il traguardo è un mix di buone pratiche, informazione e sensibilizzazione, a cui hanno fatto seguito controlli mirati di supporto e verifica del corretto funzionamento della raccolta. “E’ un obiettivo – aggiunge Cravero – che abbiamo raggiunto grazie alla seria partecipazione dei cittadini che hanno messo in atto comportamenti virtuosi rispondendo in modo positivo al servizio, tanto da consentire di raggiungere risultati così ragguardevoli pur mantenendo la tassa rifiuti su livelli tra i più bassi della zona”. Se da un lato l’Amministrazione rivolge un plauso ai braidesi che contribuiscono al corretto conferimento della spazzatura, dall’altro c’è un richiamo per i casi di abbandono di rifiuti che ancora si riscontrano in città: “Purtroppo – chiude il sindaco Bruna Sibille – sono ancora troppi gli episodi di inciviltà che vediamo sul territorio e per la cui soluzione vengono impegnate risorse che sono di tutti. Invito alla massima attenzione i cittadini, a segnalare qualsiasi situazione sconveniente affinché sia adeguatamente sanzionata: esistono modalità chiare, definite e pratiche per lo smaltimento di tutti i rifiuti e non è plausibile che per colpa di singoli, ci rimetta la più ampia parte della collettività che si dimostra invece sensibile alle tematiche ambientali”. 

Ad un anno dalla scadenza del contratto di raccolta rifiuti, inoltre, l’Amministrazione comunale, attraverso un percorso condiviso con tutti i portatori di interesse, è al lavoro per mettere a punto e attuare migliorie nel servizio, nell’ottica di una costante ottimizzazione dei costi e dei risultati.

Info:     Città di Bra – Ufficio Servizi Pubblici Rifiuti

              tel. 0172.438209 - servizipubblicirifiuti@comune.bra.cn.it

In evidenza

  • Le ultime notizie

    Linea diretta con il Palazzo comunale.  

  • ZTL centro storico: i moduli per l'accesso

    Stanno per partire i controlli mediante telecamere dei varchi di accesso alla Ztl del centro storico. Residenti, titolari di posti auto, lavoratori ed altri soggetti che secondo la relativa ordinanza possono accedere all'rea, dovranno comunicare al comando di Polizia municipale i dati dei propri veicoli. I moduli per richiedere l'accesso.

  • Carta S.I.A.: moduli

    Un sostegno concreto e tangibile per chi è più in difficoltà, a fronte dell’adesione ad un progetto di attivazione sociale e lavorativo. Dal 2 settembre sarà possibile ritirare agli sportelli della ripartizione socio-scolastica comunale (piazza Caduti libertà 18) i moduli per richiedere la carta S.I.A., acronimo di “Sostegno per l’inclusione attiva”, che consente a coloro che hanno un indicatore Isee inferiore a tremila euro di ricevere una carta di pagamento per acquisti in negozi, farmacie e supermercati o negli uffici postali per pagare le bollette elettriche o del gas devono essere consegnati allo sportello della ripartizione socio-scolastica in piazza Caduti della Libertà 18 nei seguenti orari: lunedì, mercoledì e venerdì: 8:30-12:45; martedì e giovedì: 15-16; sabato: 10-12. . Le pagine.

  • Obbligo di pulizia di fossi e strade private

    Un'ordinanza comunale impone la pulizia di fossi e strade private ai proprietari di edifici e terreni prospicenti strade comunali o vicinali. Il motivo: impedire il ristagno di acqua sulla strada e il regolare deflusso. La sanzione può arrivare fino a 500 euro. La notizia. L'ordinanza.

  • Figli di immigrati: le condizioni per chiedere la cittadinanza italiana

    Anche Bra ha aderito alla campagna nazionale dell'Anci, l'associazione nazionale dei comuni italiani, “18 anni in Comune!”. L'iniziativa vuole essere un’opportunità in più offerta alle seconde generazioni delle famiglie di stranieri che, al compimento del diciottesimo anno di età possono, nell’attuale sistema normativo, diventare a tutti gli effetti cittadini italiani. Requisiti: essere nati in Italia e aver risieduto nel Belpaese continuativamente sino ai 18 anni. La domanda può essere presentata prima del compimento del diciannovesimo anno d'età. La pagina e la guida.     

  • Ricerche anagrafiche storiche

    Una operazione partecipata di implementazione delle banche date storiche dei movimenti demografici della città. Utilizzando il servizio “ArchiviPopolazione” si ha la possibilità di accedere ad un sistema di di crediti che permette di rendere consultabili i dati nella misura in cui si contribuisce ad alimentare la banca dati storica dei dati sulla popolazione. Vai alla pagina.