Il diritto di interpello spetta al contribuente che si trovi in condizioni di obiettiva incertezza sulla corretta interpretazione di una disposizione normativa riguardante tributi comunali, prima di di darvi attuazione. In questi casi è possibile inoltrare all’ufficio tributi del comune di Bra un’istanza di interpello che deve riguardare l’applicazione della norma a casi concreti e personali.
Il diritto di interpello è consentito anche alle associazioni sindacali e di categoria, i centri di assistenza fiscale, gli studi professionali, nel caso di istanze relative al medesimo caso che riguarda una pluralità di associati, iscritti o rappresentati.

La presentazione dell’istanza di interpello non ha effetto sulle scadenze previste dalle norme tributarie, né sulla decorrenza dei termini di decadenza e non comporta interruzione o sospensione dei termini di prescrizione.

 

Come e dove si presenta?
L’istanza di interpello, redatta in carta libera, può essere presentata:

  • - a mano all’ufficio protocollo (via Barbacana 6 – secondo piano),
    - con raccomandato A/R (Comune di Bra - piazzaCaduti per la libertà 14 - 12042 Bra)
    - via posta elettronica certificata (Pec) all’indirizzo comunebra@postecert.it

L’istanza deve contenere: i dati identificativi del contribuente e l’indicazione del domicilio e dei recapiti anche telematici dell’istante o dell’eventuale domiciliatario presso il quale devono essere effettuate le comunicazioni del Comune e deve essere comunicata la risposta; la circostanziata e specifica descrizione del caso concreto e personale sul quale sussistono obiettive condizioni di incertezza della norma o della corretta qualificazione di una fattispecie impositiva; le specifiche disposizioni di cui si richiede l’interpretazione; l’esposizione, in modo chiaro ed univoco, della soluzione proposta; la sottoscrizione dell’istante o del suo legale rappresentante. 

All’istanza si deve allegare anche la copia della documentazione non in possesso del Comune ed utile ai fini della soluzione del caso prospettato.

 

Cosa fa il Comune?
Il Comune risponde in forma scritta entro novanta giorni e pubblica la risposta su questo sito web.
La risposta ha efficacia esclusivamente nei confronti del contribuente che ha presentato l’istanza e limitatamente al caso concreto e personale prospettato. Le risposte alle istanze di interpello non sono impugnabili.

 

Figura competente

Con deliberazione della Giunta Comunale n. 73 del 27/04/2017, il Comune di Bra ha individuato, a far data dal 01.05.2017, il dott. Claudio Chianese, Segretario generale e Responsabile della trasparenza e della prevenzione della corruzione di questa Amministrazione, nonché dirigente dello Staff “Trasparenza, Stampa, Relazioni con il pubblico e Anticorruzione”, quale figura competente alla valutazione del reclamo e mediazione in ambito tributario ai sensi dell’articolo 9 del vigente “Regolamento comunale sulla disciplina del diritto di interpello e mediazione in ambito tributario”.



Allegati:
Accedi a questo URL (http://www.comune.bra.cn.it/uffici/reg_interpellomediazione.pdf)reg_interpellomediazione.pdf[Il regolamento.]673 kB