Messi


Ogni cittadino italiano può richiedere, per se stesso o per il minore di cui è tutore, come nel caso classico dei genitori, di modificare il proprio nome e cognome anche mediante semplice aggiunta di altro nome o cognome. La procedura è di competenza della Prefettura. 
Il cittadino che ha avviato in Prefettura la procedura del cambiamento del nome o cognome, si rivolge al Comune per richiedere di pubblicare un sunto della domanda in seguito ad autorizzazione rilasciata dalla Prefettura e contenuta in apposito decreto. Può essere richiesta da chi risiede in questo comune o da chi vi è nato.
 
Cosa occorre: Il cittadino deve compilare il modulo apposito in carta semplice. Occorre inoltre presentare un documento di riconoscimento valido e il decreto della Prefettura che autorizza la pubblicazione.
 
Al termine della pubblicazione, l’ufficio rilascia apposita relazione di pubblicazione da inserire nella pratica prefettizia a cura dell’interessato.
 
Riferimento normativo: art. 90 D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396

Allegati:
Scarica questo file (modulo_pubblicazione_cambionome.pdf)modulo_pubblicazione_cambionome.pdf[Il modulo per richiedere la pubblicazione del cambio del nome.]0 kB
Scarica questo file (modulo_pubblicazione_cambionome_minori.pdf)modulo_pubblicazione_cambionome_minori.pdf[Il modulo per richiedere la pubblicazione del cambio del nome per un minore.]0 kB

Città di Bra - Ufficio messi notificatori

dal lunedì al venerdì: 11:30-12:45

 

 

L’ Albo Pretorio è lo spazio dedicato alla pubblicazione degli atti destinati, per legge, regolamento o disposizione comunale, alla conoscenza pubblica.

 

 

Vai all'Albo pretorio del Comune di Bra 

 

 

Attraverso l’Albo Pretorio la Pubblica l'Amministrazione fornisce la conoscenza ufficiale di tutti gli atti, provvedimenti ed informazioni per i quali la legge prevede la pubblicità legale attraverso la loro pubblicazione. Il Comune pubblica nell’Albo pretorio sia propri atti che quelli di altri Enti Pubblici che lo richiedono.

L'Albo pretorio è diventato obbligatoriamente ed esclusivamente informatico dal 1 gennaio 2011 secondo quanto previsto dalla Legge n. 69 del 18 giugno 2009: cioè, gli obblighi di pubblicazione di atti e provvedimenti amministrativi con valore di pubblicità legale si devono assolvere attraverso il sito web dell'Ente. E’ questa quindi la procedura da seguire per dare certezza giuridica ai documenti amministrativi e, per i cittadini, di prenderne conoscenza ufficiale.

In base alle previsioni del CAD (Codice dell'Amministrazione Digitale), la pubblicazione on-line di provvedimenti o atti amministrativi o la loro comunicazione con le medesime modalità implica anche l'assunzione di una garanzia di conformità delle informazioni ivi contenute rispetto alle informazioni contenute nei provvedimenti originali (anche cartacei), ai sensi dell'art. 54, comma 4 del CAD.

 

 

Tempi di conclusione del procedimento: numero giorni secondo la natura dell’atto; Se non previsto espressamente dalla legge o dall’ente richiedente 7 giorni. Termine finale: Se non previsto espressamente dalla legge o dall’ente richiedente, 10 giorni.

 

Città di Bra - Ufficio messi notificatori
sede: via Barbacana 6 (piano terreno)
telefono: (+39) 0172.438327
fax: (+39) 0172.44333
posta: messi@comune.bra.cn.it
Dirigente: Costanzo Fissore
Responsabile: Valeria Cavaglià
I Messi Comunali si occupano di notificazioni di atti amministrativi e tributari provenienti dal Comune o anche da altri Enti Pubblici, e diretti a destinatari (persone, ditte ed enti) che abbiano residenza o sede sul territorio del solo Comune di Bra.
 
L'ufficio notifiche, composto da messi comunali, provvede alla:
  • registrazione con numero progressivo degli atti di cui gli uffici comunali o qualsiasi altro Ente Pubblico abbiano chiesto la notifica;
  • notificazione degli atti;
  • restituzione all'ufficio richiedente degli originali degli atti notificati.
La notifica dell'atto si realizza in base agli artt. 137-145 del Codice di Procedura Civile, che prevedono che il messo si rechi presso la casa di abitazione (o anche presso il luogo di lavoro) e consegni l'atto o al destinatario o a persone di famiglia o addette alla casa. Al destinatario viene rilasciata una copia dell'atto con, in calce, la relazione di notifica.
 
Talvolta né il destinatario né le persone sopra indicate vengono rinvenute. In tal caso, se i termini di scadenza dell’atto da notificare lo consentono, il messo notificatore può invitare il destinatario (di solito tramite una comunicazione scritta deposta nella buca delle lettere) a presentarsi presso l’ufficio Messi Comunali affinché possa essergli notificato l’atto. Quando ciò non sia possibile, il messo procede a notificare l'atto attraverso il deposito dello stesso presso la casa comunale  (art. 140 Codice di Procedura Civile) più precisamente presso l’Ufficio Protocollo del Comune, ove il destinatario può ritirare l’atto. Il messo avverte il destinatario affiggendo un avviso alla porta dell’abitazione ed inviandogli lo stesso avviso con raccomandata AR. La notifica si considera eseguita il giorno in cui sono compiuti questi adempimenti.
 
Può anche succedere che il destinatario si sia reso irreperibile: in tal caso, la notifica viene eseguita ugualmente (art. 143 Codice di Procedura Civile) depositando l'atto alla Casa Comunale: la notifica si ha per eseguita, nei confronti del destinatario, il ventesimo giorno successivo al deposito.
 
I Messi comunali non notificano atti del Procedimento Penale e Cartelle Esattoriali.